Mosajco

Villa Fiorentino Sorrento sede della Fondazione Sorrento

Fondazione Sorrento

Chiesa dell' Annunziata

Sorto sui resti dell'antico tempio di Cibele, l'edificio di culto e' considerato tra i piu' antichi della Penisola Sorrentina. Probabilmente fatta costruire dall'ultimo dei Signori di Sorrento, nel 1133, ha conosciuto alterne vicende.Quella dedicata all’ Annunziata è, sicuramente, una delle chiese più antiche di Sorrento e dell’ intera Penisola Sorrentina.
L’ edificio di culto, infatti, è sorto sui resti di un tempio dedicato alla dea pagana Cibele del quale – tra i reperti archeologici custoditi presso il Museo Correale – si conserva l'ara marmorea (di fattura greca). Quest’ ultima si caratterizza per la presenza, da un lato,  proprio della dea coronata di torri e seduta su di un carro tirato da due leoni con diversi altri emblemi e, dall'altro, di persone con faci accese in mano ed in atto di correre.
La data della sua costruzione è incerta, ma secondo gli storci più accreditati essa fu eretta, nel 1133, da Sergio, ultimo dei Signori di Sorrento (da cui, poi, sarebbero discese le famiglie nobili locali dei Sersale e dei Mastrogiudice).Pur al centro delle attenzioni delle più importanti famiglie patrizie, la Chiesa dell’ Annunziata ha incontrato, nel corso dei secoli, alterne fortune.
Verso la metà del XIV secolo, ad esempio, essa fu rimessa a nuovo dalla famiglia Capece perché, fino a pochi anni prima, era considerata come un tempio “diruto”.
Entrata a far parte dei beni di un monastero agostiniano, poi soppresso nel 1809 (durante la dominazione napoleonica), la Chiesa dell’ Annunziata dovette affrontare, comunque, ulteriori momenti di difficoltà.Come quello che portò - il 12 gennaio 1358 - il Capitolo della Congregazione ad autorizzare il priore a vendere effetti mobili o beni immobili di minore importanza per fronteggiare una posizione debitoria nei confronti di tal Pietro Vulcano.
Dopo un secolo e mezzo circa, sempre lo stesso monastero del quale la Chiesa faceva parte, si trovò al centro di una delicatissima disputa nata tra i frati del convento ed il Parlamento di Sorrento. Quest’ ultimo, infatti, nel 1496, aveva deciso – per cause non meglio precisate - di "cacciare" i religiosi tanto dal monastero quanto dalla chiesa, se fosse occorso, "anche armata manu e militari per giusta causa". L’ equivoco, però, fu definitivamente chiarito in breve tempo e, nel 1499, proprio il Parlamento di Sorrento stabiliva di elargire ben cento ducati allo stesso monastero per consentire gli accomodi necessari "al cadente refettorio ed al nuovo dormitorio".I danni procurati dall’ incursione saracena del 1558 (in occasione della quale numerosi edifici sorrentini furono saccheggiati e quasi distrutti) e dai terremoti del 1695, e del 1798 hanno fatto sì che l’ edificio di culto divenisse oggetto di numerosi interventi che ne hanno quasi completamente fatto perdere il suo aspetto originario.Recenti lavori di restauro, infatti, hanno consentito il rinvenimento di un arco a sesto acuto e del tetto a capriate che testimoniano l’ utilizzo di uno stile dichiaratamente gotico.
Un particolare questo che rafforza, in maniera convincente, le ipotesi relative al periodo della sua prima costruzione.Al centro di una intensa attività di restauri che si è protratta per tutto il 1700, la Chiesa dell’ Annunziata ha goduto delle attenzioni riservategli dall’  arcivescovo, Monsignor Filippo Anastasio, dal suo successore, monsignor Silvestro Pepe e, in misura addirittura maggiore dal Cardinale Antonino Sersale.Da sempe al centro delle attenzioni dei cristiani della costiera sorrentina, la stessa chiesa è sede dell’ Arciconfraternita di Santa Monica che, ogni anno, organizza – nella notte tra il giovedì ed il venerdì Santo - una delle più suggestive processioni che caratterizzano l’ atmosfera mistica che si respira in Penisola Sorrentina, durante la settimana pasquale

 

 


cultura
Sorrento Classica 2018

Il meraviglioso scenario del Chiostro di S. Francesco schiude nuovamente le... continua

Giornate Nazionali dei Castelli XX edizione

Castelli, fortezze, borghi murati, città fortificate e torri. Il pat... continua

CONFERENZE ISTITUTO DI CULTURA TORQUATO TASSO

PROGRAMMA DI CONFERENZA A CURA DELL' ISTITUTO CULTURALE TORQUATO TASSO continua

Al museo Correale una mostra dedicata a Salvator Rosa

E' stata inaugurata sabato 7 novembre, alle ore 18, al museo Correale di Te... continua

Sorrento...ancora

Roberto De Simone e Alessandra D’Antonio ospiti a “Sorrento&hel... continua

Musica classica di scena a Sorrento - I lunedì dell'opera

Domenica 2 agosto, ore 21.15, Sorrento - Chiostro S. Francesco. continua

Fontane storiche di Sorrento

Sono partiti i lavori di restauro delle due fontane collocate nel centro st... continua

Lo Schizzariello torna al suo antico splendore

Ultimato il restauro della fontana detta dello Schizzariello. Un altro impe... continua

Suggestioni ed emozioni di una città

Una passeggiata tra le meraviglie di Sorrento, tra i suoni, i colori, i pro... continua

Un'antica porta

L' apertura della Porta di Parsano ha, di fatto, consentito lo sviluppo a S... continua

Visita la gallery

 

Per ricevere periodicamente aggiornamenti, notizie ed offerte, iscriviti alla nostra newsletter!

ISCRIVITI

Firmato - 29/05/2018
Tutto non è solo quel che sembra ma, molto altro.

Leggi le opinioni dei nostri clienti »

comunicati stampa
Sosteniamo l'Ospedale di Sorrento - campagna di crowfunding
Sosteniamo l'Ospedale di Sorrento - campagna di crowfunding

Parte il progetto “Sos: Sosteniamo l’Ospedale di Sorrento” che mira a recuperare le facciate del presidio ospedaliero di Sorrento ...

Continua »

visit www.webpinknetwork.it Fondazione Sorrento Sede operativa: Corso Italia, 53 - Sorrento - 80067 - Italia P.IVA / Cod.Fiscale: 05574541214
Tel.: 081 8782284 - E-mail: info@fondazionesorrento.com

Powered by Mosajco CMS