Mosajco

Villa Fiorentino Sorrento sede della Fondazione Sorrento

Fondazione Sorrento

Un insolito tour

A dispetto delle apparenze, si possono ancora visitare bocche vulcaniche attive lungo la baia partenopea presso il Monte Somma - Vesuvio, l' Isola di Ischia ed i Campi Flegrei. La calma apparente dei vulcani presenti nel Golfo di Napoli, indurrebbe a pensare che si tratti di crateri ormai spenti. Ed, invece, sono ben tre le caldere che sono ancora in attività: quella del Monte Somma – Vesuvio, quella dei Campi Flegrei e quella dell’ Isola di Ischia. E’ una particolarità questa che pochi conoscono e che, viceversa, può offrire lo spunto per un insolito tour.
In effetti l’ attività vulcanica dell’ area napoletana è connessa con i fenomeni “tettonici” che durante gli ultimi 7 milioni di anni, hanno determinato lo “stiramento” e la fatturazione della crosta terrestre in corrispondenza del bordo tirrenico della catena appenninica. Da questo fenomeno è derivato una sorta di sprofondamento con la formazione di una zona depressa compresa tra il Monte Massico (a nord) e la Penisola Sorrentina (a sud) che ha preso il nome di graben (Fossa tettonica) della Piana Campana.
Proprio all’ interno di questa fossa si sono create le condizioni favorevoli alla risalita di magmi e lave. Sebbene nella zona non si verifichino fenomeni eruttivi di rilevante significato, le bocche vulcaniche presenti (per l’ appunto quelli del Vesuvio, di Ischia e dei Campi Flegrei) sono ancora considerate attive. Coloro che desiderano articolare un inconsueto tour che passi proprio per queste località può contattare l’ Istituto Nazionale di geofisica e Vulcanologia (che a Napoli fa capo all’ Osservatorio Vesuviano) contattando il numero telefonico 081-6108111. In tal modo si potrà avere la certezza di rivolgersi ad una istituzione assolutamente autorevole. L’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, infatti, promuove e svolge specifiche attività di ricerca nel campo della vulcanologia, delle discipline geofisiche e delle loro applicazioni. Tra le altre attività cui si dedica l’ ente, inoltre, figurano: lo studio dei fenomeni fisici e chimici precursori dei terremoti e delle eruzioni vulcaniche, nonché dei metodi di valutazione del rischio sismico e vulcanico.

 


i dintorni
Museo Mineralogico Vico Equense

Dal 1992, minerali, meteoriti, fossili preistorici, gemme e perfino uova di... continua

Ercolano

Cosi' come Pompei, anche questo importante centro fu seppellito dalla eruzi... continua

Pompei

L’ immensa distesa di stupendi ruderi che si possono ammirare a Pompe... continua

Positano

Ideale per trascorrere vacanze di ogni genere, Positano - a dispetto delle ... continua

Ravello

Tra le perle di una delle piu' ridenti localita' della Costiera Amalfitana,... continua

Amalfi

La ridente cittadina costiera, non solo conserva intatte molte bellezze sto... continua

Vietri sul Mare

Oltre che per la bellezza delle sue spiagge e della vegetazione che la circ... continua

Capri

Stupenda, affascinante, sensuale ed ammiccante. Non è una donna. E&r... continua

Reggia di Caserta

Capace di competere per bellezza e dimensioni con la Reggia di Versailles, ... continua

Il Vesuvio

Una escursione sul magnifico vulcano puo' riservare varie opportunita'; com... continua

Visita la gallery

 

Per ricevere periodicamente aggiornamenti, notizie ed offerte, iscriviti alla nostra newsletter!

ISCRIVITI

Firmato - 29/05/2018
Tutto non è solo quel che sembra ma, molto altro.

Leggi le opinioni dei nostri clienti »


visit www.webpinknetwork.it Fondazione Sorrento Sede operativa: Corso Italia, 53 - Sorrento - 80067 - Italia P.IVA / Cod.Fiscale: 05574541214
Tel.: 081 8782284 - E-mail: info@fondazionesorrento.com

Powered by Mosajco CMS